microfauna o mandarini?

microfauna o mandarini?

- Categoria: daphbio , Home , Notizie , Vari

I reefers si pongono spesso questa domanda: microfauna o mandarini, decisione difficile da prendere, scelta difficile, maturità dell'acquario, necessità di un rifugio - sorgono molte domande sussidiarie. Ma stiamo facendo la domanda giusta?

Anche se i mandarini esercitano una forte pressione sulla microfauna e la meiofauna, ma altrettanto sul piccolissimo plancton, tipo brachionus, invisibile a occhio nudo, possiamo arrivare alla conclusione che questa specie di pesce sarebbe dannosa per la microfauna, la meiofauna e lo zooplancton dell'acquario come molti reefers pensano?

La maggior parte dei reefers concorda sul fatto che un pesce mandarino spopolerà completamente tutta la microfauna nell'acquario rendendo impossibile qualsiasi forma di micro vita. Beh, possiamo dire che nulla è meno certo... Infatti, abbiamo notato a daphbio che i casi in cui la microfauna, meiofauna è totalmente assente in un acquario sono spesso i casi in cui, contrariamente all'idea generalmente accettata, non ci sono predatori di microfauna, meiofauna, micro zooplancton, in questi acquari. Infatti, dove non ci sono pesci o invertebrati, abbiamo visto che spesso c'è pochissima, se non nessuna, microfauna e zooplancton.

D'altra parte, in un acquario con pesci piccoli e delicati e anche mandarini, la microfauna, per quanto piccola, è sempre presente, naturalmente in quantità molto piccole, ma è comunque presente. Da lì a dire che i mandarini, i piccoli pesci delicati, mantengono la microfauna c'è solo un passo e non sarebbe completamente falso pensarlo. Come sappiamo, i mandarini ingeriscono durante la loro vita grandi quantità di copepodi, micro vermi, larve di Gammarus, anfipodi, ma anche le uova di questa stessa micro fauna.

Queste uova hanno spesso un guscio abbastanza rigido e una volta nello stomaco del pesce non muoiono necessariamente tutte, al contrario, gli acidi gastrici del pesce perforano le pareti del guscio dell'uovo e permettono alle larve di schiudersi, disperdersi e colonizzare il biotopo respingendo le voci rettali del pesce. Le larve trovano così a loro disposizione batteri, enzimi, micro-plancton e materia in decomposizione che assicurano la loro sopravvivenza.

Queste osservazioni sono state fatte in seguito a numerose visite ai reefers, ma anche grazie alle email che riceviamo durante l'anno da tutto il mondo. Alcuni biologi di acquari nazionali, ricercatori statali specializzati in microcrostacei, ci spiegano che molto spesso i microrganismi, patogeni o no, utilizzano animali superiori, pesci e a volte anche uccelli, per assicurarsi la loro sopravvivenza e la loro propagazione.

Possiamo concludere che sì, i mandarini e i piccoli pesci delicati nei nostri acquari sono grandi predatori di microfauna, meiofauna, microplancton, zooplancton, ma che con la loro incessante ricerca di cibo vivo, contribuiscono anche alla propagazione di microfauna, meiofauna, batterioplancton nell'acquario, permettendo così loro di occupare il biotopo Non esitate a comprare questo splendido pesce sapendo che daphbio può intervenire per mantenere la vostra microfauna. Quindi non scegliere tra microfauna o synchiropus mandarino e regalati: daphbio ha la soluzione!

Il nostro starter kit e il kit di risemina sono stati un successo crescente e permanente per 12 anni! Spesso imitato ma mai eguagliato. Si versa Bactoreef ogni mattina con lo skimmer acceso e Microfauna booster 3 volte a settimana la sera. La bottiglia di uovo vivo di microfauna e meiofauna da distribuire tra l'acquario, il rifugio e la decantazione. Adatto a tutti i pesci piccoli e delicati dell'acquario e ai coralli molli e duri.

La microfauna è mantenuta in media ogni 3 mesi.

Benoit Lo Cascio Creatore, fondatore dei prodotti biologici daphbio